Progetto C.RE.ST.A.

 





E’ plausibile un’industria turistica rispettosa dell’ambiente naturale?" E’ proprio in quest’ottica, infatti, nell’ambito di una Convenzione tra l’Università degli Studi di Torino ed il C.A.I. (Club Alpino Italiano), che ha preso il via, nel luglio del 1998 ed è proseguito nel corso del 1999 e del 2000, un progetto dal titolo "Sistema di Gestione Ambientale per il Rifugio Regina Margherita",promosso dal Dipartimento di Scienze Merceologiche dell’Università di Torino e coordinato dal Prof. Riccardo Beltramo.

Ma cosa si intende per Sistema di Gestione Ambientale? Prescindendo da nozioni e terminologie tecnico-scientifiche, si parla di gestione ambientale (solitamente riferendosi ad imprese manifatturiere) intendendo la struttura organizzativa che permette di provvedere, prevenire ed affrontare le varie e complesse situazioni che sorgono dalle inevitabili interazioni dell’impresa con l’ambiente circostante.

La necessità di disporre di utili strumenti di studio ed azione per favorire l'uso sostenibile delle risorse stesse è un'esigenza che solo recentemente è stata avvertita da settori del terziario e dal terziario avanzato.

Una simile evoluzione la si constata anche nell'impostazione delle politiche ambientali dell'Unione Europea. Le recenti normative europee sulla tutela ambientale, che discendono dal Quinto Programma Quadro per l'Ambiente, chiamano in causa numerosi comparti economici e prevedono l'utilizzo di una pluralità di strumenti, per indirizzare lo sviluppo verso la ecosostenibilità.

Il turismo ha sollevato l'interesse della D.G. XI, che ha avviato azioni specifiche a questo riguardo. L'impatto ambientale derivante dalla realizzazione e dalla gestione delle strutture ricettive, dal soggiorno dei turisti e dalla gestione della mobilità è, oggi più che in passato, al centro dell'attenzione di tutti.

Il progetto parte dalla considerazione secondo cui le pressioni sull’ambiente non derivano unicamente dalle imprese manifatturiere. Anche il turismo, se non pianificato con una attenzione particolare all’ecosistema, oltre che alla soddisfazione immediata dei bisogni dei turisti, può provocare danni che, in definitiva, si possono ritorcere sulla stessa attività. Emerge, dunque la necessità di dotare le strutture turistiche di strumenti che permettano di coniugare business con qualità ambientale, anche attraverso il conseguimento di miglioramenti nell’efficienza.

Il Rifugio Regina Margherita è meta infatti di un numero elevato e crescente di alpinisti-escursionisti (3.200 presenze nel 1997) che con il loro passaggio e con l'utilizzo dei servizi offerti dal rifugio sono causa di ricadute ambientali che in passato hanno destato forti preoccupazioni e reazioni estreme, soprattutto nel mondo ambientalista (Mountain Wilderness).

Obiettivo della ricerca è, dunque, la realizzazione di un Sistema di Gestione Ambientale creato "ad hoc" per il Rifugio Regina Margherita. La scelta di tale rifugio come spazio di sperimentazione non è stata dunque casuale ma dettata dal sommarsi di una serie di fattori che lo hanno reso luogo ideale nel quale ideare e successivamente verificare l'applicabilità di un modello gestionale rispettoso dell'ambiente.

 

Dipartimento di Scienze Merceologiche - Corso Unione Sovietica 218 bis - 10134 Torino
tel +39 0116705716-17 - fax +39 0116705720